Assunzioni disabili

Pistoia,5 febbraio,2012

 

Lettera aperta

 

Ho appena avuto una notizia inquietante,che,se risponde a verità,credo che sia un esempio preoccupante della caduta etica e civica dei rappresentanti delle nostre istituzioni locali. Sia l’ASL 3 che il comune di Pistoia hanno trovato una soluzione molto cinica per ottemperare all’obbligo di assunzione di disabili con una percentuale di invalidità superiore a 67%:incoraggiare dipendenti già invalidi a chiedere l’aggravamento,prontamente ottenuto. La legge non vieta espressamente una simile pratica ma certo questo è un modo perché nessun nuovo disabile venga assunto,perché questa pratica sicuramente presto dilagherà,disattendendo  lo spirito di tutte le nostre leggi e ordinamenti ideati per dare dignità e autonomia anche a cittadini con maggiori difficoltà.

E’ una pratica non solo incivile,ma anche profondamente miope perché non solo peggiorerà la qualità della vita di interi nuclei familiari ma obbligherà la maggior parte di queste persone a dipendere da sussidi sociali.

Chiedo agli amministratori,alle forze politiche e sindacali e ai cittadini tutti di riflettere sulla inciviltà di una simile pratica e di lavorare tutti insieme per trovare soluzioni più eque e meno incivili per risolvere le difficoltà economiche delle nostre amministrazioni locali.

 

                                                           Kira Pellegrini

 

                                                           Presidente dell’Associazione Oltre l’Orizzonte