Inaugurazione della scultura “Resurrezione” di Adriano Veldorale

Sabato 29 aprile ore 16:30 

Battistero Piazza Duomo  Pistoia

Questo evento è nato nato da un incontro di intenti fra l’artista pistoiese e l’Associazione Oltre l’Orizzonte.

Aprirà ufficialmente l’evento un’introduzione di Kira Pellegrini e della curatrice del progetto Caterina Morelli,dopodichè avrà luogo la presentazione critica della scultura e della sua valenza come metafora nella società contemporanea,anche in relazione alla scelta della collocazione nel Battistero di Pistoia,ad opera della storica d’arte Ilaria Magni. L’inaugurazione sarà anche l’occasione per presentare al pubblico il catalogo,che comprenderà anche alcuni scritti elaborati dai Ragazzi del Venerdì dell’associazione Oltre l’orizzonte sotto la guida della prof. Rit Gualtierotti.

L’evento rappresenta il cardine di un progetto culturale più ampio,promosso dall’Associazione Oltre l’Orizzonte fra le manifestazioni di Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017,“Resurrezione:percorsi di rinascita sociale per persone con disagio psichico” è il titolo del ciclo di esperienze culturali diverse (conferenze,proiezioni,spettacoli teatrali) che hanno visto impegnata l’Associazione per la sensibilizzazione della comunità sulle forme di recupero di identità sociale della persona affetta dalla malattia mentale

La mostra espone una sola opera,una Resurrezione,composta da circa 16500 triangoli d’acciaio saldati a formare una sagoma del corpo del Cristo Risorto,posta sopra il celebre fonte battesimale di Lanfranco da Como (risalente al 1226),come ad elevarsi a partire dalla sua sommità. L’artista plasma il ferro per “frantumarlo”,disgregandolo in triangoli e poi ricomponendolo,traendone come risultato una stoffa malleabile e adatta a descrivere con efficace versatilità l’intimismo di un’emozione. Veldorale afferma,con la potenza visiva del ferro forgiato,la metafora del Cristo Risorto,il quale prima di tutto è un Uomo che ha sofferto sulla croce,come chiunque soffra una malattia. Ecco quindi l’analogia fra “Resurrezione” e la missione di rinascita sociale che l’associazione promuove per le persone che ivi sono accolte:acquisire la consapevolezza della propria vulnerabilità,i persistenti segni della Passione,ed avere coscienza degli strumenti per controllarla. L’opera parla a tutti noi di come si può rinascere dal proprio calvario,di come la croce della malattia,in qualsiasi forma,non debba essere un limite invalicabile,ma un ostacolo da imparare a superare,come la pietra,pur pesante,del sepolcro.

“Resurrezione” è un messaggio di speranza di ricostruire una nuova vita,è il simbolo di una riabilitazione sociale dell’uomo contemporaneo,a fronte della discriminazione con cui la nostra attualità pregiudica,giudica,e addita alla diversità dell’altro.

Attachments

  1. locandina resurrezione (146 KiB)
    undefined

Lascia un commento

You can use these HTML tags

<a href=""title=""><abbr title=""><acronym title=""><b><blockquote cite=""><cite><code><del datetime=""><em><i><q cite=""><s><strike><strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.